FAQ: domande frequenti su Green Pass e tamponi per viaggiare

Con l’ordinanza firmata nelle scorse settimane dal Ministro della Salute Roberto Speranza, il Fruit Village Sharm El Sheikh Amphoras può tornare ad abbracciare i propri clienti.

Abbiamo dunque cercato di raccogliere in un articolo riepilogativo, tutte le principali domande e dubbi riguardanti i corridoi turistici appena aperti.

  • È obbligatorio possedere il Green Pass?

Sì, per poter viaggiare usufruendo dei corridoi turistici è necessario essere in possesso del Green Pass ottenuto mediante completamento del ciclo vaccinale, o essere guariti dal Covid.

  • Devo essere vaccinato per poter andare a Sharm El Sheikh?

Sì, come scritto poco sopra è necessario aver completato il ciclo vaccinale, ed essere in possesso del Green Pass che certifichi l’avvenuta vaccinazione o la guarigione dal Covid.

  • Se sono vaccinato devo fare lo stesso il tampone?

Sì, anche chi è vaccinato ed è in possesso del Green Pass dovrà comunque sottoporsi ai test molecolari o antigenici obbligatori per la partenza e il rientro in Italia.

  • Quanti tamponi devo fare?

Secondo l’ordinanza attualmente in vigore è obbligatorio effettuare un test nelle 48 ore precedenti alla partenza, un test nelle 48 ore precedenti al rientro e un test una volta arrivati in aeroporto in Italia. Se il periodo del soggiorno all’estero è uguale o superiore a 7 giorni, è necessario sottoporsi a ulteriore test anche in loco. In totale quindi sono tre o quattro tamponi a seconda della durata del soggiorno all’estero. Tutti i tamponi possono essere sia molecolari sia antigenici.

La procedura è identica anche per i bambini?

No. Per i bambini dai 2 ai 6 anni non compiuti, è necessaria unicamente la prenotazione dell’hotel e l’assicurazione medica, e non dovranno dunque sottoporsi a tampone.

I bambini dai 6 ai 12 anni non compiuti dovranno invece effettuare un tampone molecolare PCR in lingua inglese o araba, nelle 72 ore prima della partenza, e un ulteriore tampone se il soggiorno all’estero è pari o superiore a 7 giorni.

Dai 12 anni in su, la procedura è identica per tutti: per coloro che sono guariti dal covid è necessario il tampone molecolare PCR. Per coloro che hanno completato il ciclo vaccinale è necessario il tampone molecolare PCR o antigenico in lingua inglese o araba effettuato entro le 48 ore prima della partenza. Ulteriore test molecolare o antigenico nel caso il soggiorno superi le 7 notti

Tutti i tamponi possono essere sia molecolari sia antigenici.

  • I tamponi si effettuano in struttura?

Il tampone da effettuare prima del ritorno, e l’eventuale tampone intermedio per chi soggiorna 7 o più notti, vengono effettuati in loco da nostri collaboratori al costo di 20 euro a tampone.

Per quanto riguarda il tampone al rientro in Italia, Il "Duty Health" è presente nelle adiacenze del Terminal Passeggeri (Lato Partenze) - raggiungibile seguendo apposita segnaletica (personale dell'operatore sarà presente in Terminal per indirizzare i passeggeri in arrivo). Il servizio è erogabile previa prenotazione e pagamento tramite sito https://www.duty-health.com. ad un costo di € 20. Per informazioni è possibile chiamare al numero 08117866144 o inviare una email all’indirizzo info@duty-health.com.

Tutte le spese per l'effettuazione dei tamponi richiesti dalla riportata normativa sono a carico del cliente viaggiatore.

Tampone antigenico effettuabile in struttura in Egitto:  €20 a persona da pagare in loco.

Tampone antigenico effettuabile in Italia al rientro dall'Egitto:  €20 a persona da pagare in loco.

  • Che cos’è il dPLF e chi deve compilarlo?

dPLF sta per digital Passenger Locator Form. Sostanzialmente è un modulo da riempire, scaricabile dal sito governativo cliccando sul link evidenziato (la lingua italiana è selezionabile cliccando sulla bandierina in alto a destra). Va compilato per tutti i viaggiatori a prescindere dall’età, e mostrato alle autorità competenti al ritorno in Italia.

  • Che cos'è il Travel pass e a chi serve?

Al fine di agevolare i controlli da parte dei soggetti preposti, l’organizzatore (tour operator/agenzia di viaggi) rilascerà al cliente, che vuole dirigersi verso una delle destinazioni “Covid-free , il “travel pass corridoi turistici” ossia un documento contenente le informazioni relative agli spostamenti, alla permanenza presso le strutture e alla polizza Covid. Il passeggero dovrà portare con se e consegnare alle autorità preposte il TRAVEL PASS che può essere stampato insieme ai documenti di viaggio collegandosi alla propria area riservata.

Speriamo di aver chiarito tutti i vostri dubbi e le vostre domande a riguardo. 

Il FRUIT VILLAGE SHARM EL SHEIKH Amphoras è pronto a riabbracciare i suoi clienti.
Clicca sui link evidenziati e scopri le nostre offerte e i nostri pacchetti:

'; ';